BMW Zagato Roadster: Press ed immagini ufficiali

BMW Zagato Roadster
Dopo soli tre mesi dalla presentazione al Concorso di Eleganza di Villa d’Este della BMW Zagato Coupè Concept, BMW presenta l’ultima creazione in collaborazione con l’atelier italico Zagato: la BMW Zagato Roadster.
Al Concorso d’Eleganza di Peeble Beach la nuova roadster di Monaco si trova già in buona compagnia della “sorella” con il tetto rigido. Una realizzazione unica che unisce la passione italiana con la perfezione tedesca.

Incoraggiati dalla reazione positiva della Coupé, Adrian van Hooydonk, Senior Vice President BMW Group Design, ed Andrea Zagato hanno repentinamente cercato di spostare l’ago avanti di un “quid”.

“Ci siamo posti la sfida di preparare la vettura in tempo per il rinomate Concorso di Pebble Beach”, spiega van Hooydonk. La BMW Roadster Zagato è stata realizzata in tempo di record: con solo sei settimane che separano la prima idea di design dal modello finito.
“E’ stato solo grazie al know-how di entrambe le aziende nella produzione di fascia alta ed un’eccezionale lavoro di squadra che siamo riusciti a finire la macchina nei tempi previsti”, aggiunge il capo design BMW.

BMW e Zagato possono entrambe vantare una lunga tradizione di successo nella realizzazione delle roadster, e la BMW Roadster Zagato non è altro che un progetto di fusione in un unico DNA.
“Questa macchina non è stata progettata solo come cabriolet elegante, ma anche come una macchina maschile ed estremamente dinamica, sportiva, che evoca una forte esperienza di guida”, afferma il capo designer di Zagato Norihiko Harada, che descrive la filosofia di progettazione dietro la BMW Roadster Zagato.
Come la Coupé Zagato, la Roadster è pronta da guidare.

Le proporzioni della vettura non nascondono l’esperienza di guida speciale che attende il driver. Il cofano lungo ed il passo corto danno modo al guidatore di esser seduto molto vicino alle ruote posteriori.
In quel punto si è seduti in basso come su una super-sportiva.
Le superfici tese ed il loro trattamento sono segni distintivi BMW con una distribuzione delle masse ben definite da Zagato che dona alla BMW Roadster Zagato un aspetto atletico, quasi in bilico e desiderosa solamente di essere guidata.

La linea del muso è la medesima del Concept Coupè. È questa zona della macchina che fornisce il legame stilistico tra i due modelli, dando loro una chiara identità, riflettendo loro legami familiari e, al tempo stesso, che li rende facilmente riconoscibili.

L’estremità della coda come luogo complesso da una maggiore enfasi in eleganza di quella della Coupé, che mostra un bordo tagliente sportivo.
Le linee della Roadster sono qui più lisce e la parte posteriore è più bassa e slanciata.

Un altro particolare degno di nota della BMW Roadster Zagato sono i roll-bar – un importante elemento di design di molte roadster e spesso una caratteristica peculiare di identificazione.
Il roll-bar della BMW Roadster Zagato sono la quintessenza Zagato.
I progettisti si sono ispirati a questi componenti rifacendosi all’ala di un aereo.
Il loro colore marrone dà ai roll-bar un profilo ancora più importante.
Lasciando l’occhio a vagare più indietro, troviamo che la groppa della vettura fornisce una conclusione armonica alla sua silhouette generale. Altri dettagli sorprendenti sono le prese d’aria che ornano i fianchi la Roadster, che rispecchiano la forma delle prese d’aria cofano e riprodurre la loro tema dinamico.L’argenteo “z” posizionato sotto i riferimenti ed a fianco delle bocchette della BMW / Zagato.

Una vista dall’alto della vettura evidenzia l’interpretazione della BMW Roadster Zagato del caratteristico elemento Zagato (la doppia gobba, ndr) presente sul baule posteriore. Il baule posteriore utilizza questo elemento a doppia bolla per estendere le linee del cofano fino alla parte posteriore, dove si accentuano le proporzioni muscolari del posteriore della Roadster.
Queste due cupole – la “doppia gobba” in gergo – sono una caratteristica firma del design Zagato e può essere trovato su quasi tutte le auto Zagato.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *