Dieselgate: BMW sotto indagine!


BMW Quad-Turbo Diesel B57S

Dieselgate: BMW respinge le accuse di eccessive emissioni di NOx nei test su strada dove a 120 km/h emette circa 470 mg/km a fronte degli 80 mg/km dichiarati

La DUH, l’ente che ha rilevato l’anomalia ha richiesto al Ministero dei Trasporti Tedesco, la ri-omologazione dei modelli incriminati ed il richiamo completo da parte di BMW. La casa Tedesca combatterà nelle opportune sedi per difendere la propria posizione. Siamo di fronte ad un nuovo Dieselgate?

La BMW 320d xDrive, equipaggiata con il nuovo 4 cilindri 2.0 litri diesel B47 è stato progettato per soddisfare gli ultimi standard Euro 6 sulle emissioni; ha superato il limite previsto di 80 milligrammi di NOx per chilometro in media 2,6 volte in otto prove su strada ed anche 7,2 volte (470 mg/km) quando è stata aumentata la velocità di percorrenza del 10%, ha dichiarato la Deutsche Umwelthilfe (DUH).

Tuttavia, in un set separato di test a rulli condotto dal DUH in ottobre, i cui risultati non sono stati verificati in modo indipendente, le emissioni di NOx della stessa BMW sono rimaste significativamente al di sotto del limite di 80 milligrammi per chilometro a velocità normale e quando la velocità è stata aumentata del 10 percento.

Software anti-emissioni?

Questo per il DUH significa una cosa soltanto: software aggiuntivo che falsifica i risultati delle emissioni.

I risultati danno segni molto chiari di dispositivi illegali di abbattimento delle emissioni nel software di controllo del motore. Il veicolo deve garantire che il sistema di abbattimento delle emissioni dei gas di scarico sia completamente funzionale in tutte le normali situazioni operative.”

Juergen Resch, amministratore delegato della DUH .

Le conclusioni del DUH sono state riportate dal programma televisivo tedesco ZDF WISO e dal quotidiano Tagesspiegel lunedì sera.

La posizione di BMW

BMW ha respinto ogni accusa in merito già da quando scoppiò il caso Dieselgate con Volkswagen ( VOWG_p.DE ) nel 2015.

Il responsabile dello sviluppo della gamma BMW, Klaus Froehlich, ha respinto tutte le accuse, bollandole come una campagna contro BMW e ha riferito che avrebbe fatto valere le proprie ragioni in tutte le sedi preposte.
“Non ci sono attività di disposizioni tecniche per influenzare la modalità di prova utilizzata per misurare le emissioni – ciò significa che i nostri sistemi di scarico sono attivi sia sul banco di prova sia nella pratica”.
Ha detto il gruppo in una nota.
 
Dobbiamo affermare che BMW si è dimostrata molto collaborativa, anche se ha recentemente richiamato in maniera volontaria le vetture Diesel Euro 5.
 

La posizione del Ministero dei Trasporti Tedesco

Il DUH ha dichiarato di aver chiesto al Ministero dei Trasporti Tedesco e all’ente certificatore per le omologazioni – KBA – di rivedere l’omologazione per il modello BMW 320d ed emettere un richiamo obbligatorio per i modelli interessati qualora i risultati dei test risultassero corretti.

Non è stato possibile raggiungere il Ministero dei trasporti per un commento ed una portavoce dell’autorità di regolamentazione del trasporto automobilistico di KBA ha rifiutato di commentare.

Via Reuters

Potrebbero interessarti anche...