BMW 3.0 CSL Hommage Concept: bentornata batmobile

05_BMW_30_CSL_Hommage

BMW mostra all’elitario Concorso d’Eleganza sul Lago di Como, la spettacolare nuova edizione del suo BMW 3.0 CSL dei magnifici anni ’70. Esemplare unico per questo squalo giallo. Tradizionalmente, al Concorso d’Eleganza di BMW, uno dei più esclusivi eventi auto d’epoca in Europa, l’attenzione si pone sullo studio visionario sulle sponde del Lago di Como. Questa volta è l’omaggio alla BMW 3.0 CSL, la magnifica “Batmobile” che ricorda giallo sgargiante dei mitici anni ’70, più guardabile che mai.
Una produzione in serie è esclusa nonostante i disegni taglienti; questo rappresenta appunto un omaggio alla storica 3.0 CSL.

L’Omaggio

La nuova edizione della BMW 3.0 CSL Hommage prende a piene mani nella tecnologia luminosa, nonché di carbonio ad alta resistenza. Il progetto si basa – con interpretazione moderna –  sulla magnifica nonna da pista. Particolarmente interessanti sono non solo le proporzioni e la parte anteriore muscolosa, ma l’enorme coda tronca e lo spoiler sul tetto. C’è ovviamente la storica Hofmeisterknick e il logo BMW sul montante posteriore. Per l’alta tecnologia, tra le altre cose come i moduli di carbonio, gli stupendi cerchi da 21 pollici e la cura della cabina di guida che tanto ricorda la cabina di un videogioco, tra luce laser e moduli LED. I sogni devono essere accettati proprio sul Lago di Como.

La BMW 3.0 CSL Hommage è chiamata dal capo design Karim Habib “icona di stile”. Commentando l’originale 3.0 CSL, ha detto “la sua combinazione di geni da corsa ed eleganza genera un’estetica accattivante che continua a conquistare i cuori anche oggi. La BMW 3.0 CSL Hommage celebra molte di queste caratteristiche, ma senza copiarle. In effetti, alcuni dei paralleli non sono immediatamente evidenti. Volevamo che la gente percepisse la somiglianza di famiglia, piuttosto che vederlo subito fuori.” Allora, cosa sono quei paralleli? Vediamo di capirlo…

L’Hommage non fa solo il verso ad imitare il colore della CSL originale – anche se BMW ha riprodotto fedelmente il Golf Yellow del 1970 Golf gialli in stile vivido – ma è un portatrice dell’ideologia CSL – Coupé, Sport, Leggerezza – aggiornata. Nel 1970, questo è stato fatto attraverso la costruzione delle vetture con l’alluminio. Oggi, che è stato sostituito con la fibra di carbonio e fibra di carbonio rinforzata in plastica (o CFRP). Questo è il progresso.

BMW ha donato alla 3.0 CSL Hommage una delle più ampie e più bassi estremità anteriori di qualsiasi auto del Gruppo BMW. Il doppio rene sta volutamente alto e in posizione verticale, in stile retrò, ed una combinazione di laser e fari a LED danno un volto a quattro occhi. Vedete la ‘X’ stilizzata al loro interno? Riproduce i nastri telati che i corridori endurance usavano applicare durante le gare.

Incredibilmente complessa la scultura della carrozzeria che continua anche sul retro: osservate come l’ala posteriore è integrata nelle fiancate, con un percorso del flusso d’aria che effettua una riduzione della resistenza aerodinamica del mezzo. Anche la forma dei gruppi ottici posteriori segue il canale di presunta velocità dell’aria, a cui si aggiunge in un diffusore posteriore prominente e un ‘barella’ listata di nero sul parafango posteriore per aumentare l’estrazione aerodinamica.

C’è una sorpresa in più: durante la notte nessuno potrà mai perdere una CSL 3.0, grazie alle luci posteriori a LED luminosi che meravigliosamente si incorporano nell’ala posteriore.
“Un quadro formale”, dice BMW. “Awesome”, preferiamo.

Questo piccolo capolavoro non andrà però in produzione.
E allora perché ha fatto BMW? Beh, noi speriamo che non sia solo una creazione di vanità.
“Le nostre auto Hommage devono solo dimostrare quanto siamo orgogliosi del nostro patrimonio”, ha detto il Senior Vice President del BMW Group Design Adrian van Hooydonk, “ma anche quanto sia importante il passato che può essere nel determinare il nostro futuro.”

La storia: BMW 3.0 CSL

BMW rincalza la legenda della CSL (Coupé Sport Lightweight) 3.0 che aveva stravolto i primi anni ’70 perché era una versione snellita e spiccatamente sportiva della grande BMW CS coupé di lusso alleggerita di ben 200 chilogrammi e si presenta molto più dinamica in pista.
Lo storico 3.0 CSL aveva perso, tra le altre cose, cofano, portellone posteriore e parafanghi in alluminio per guadagnarne di sottili e leggeri elementi in plexiglass. Così, ha avuto nascita il coupé sportivo, sviluppato congiuntamente da BMW e Alpina, dando rogne su circuiti e autostrade, le automobili sportive ad alte prestazioni che erano di predilezione di Porsche, Ferrari o Lamborghini.
BMW aveva già sviluppato poco dopo l’inizio della serie E9 con carrozziere Karmann tre prototipi con carrozzeria in acciaio inox, che hanno fornito informazioni preziose come tecnologia per il peso leggero.

Leggero e acciaio

I prototipi sono stati realizzati con corpo vettura, sottoscocca, passaruota, montanti elastici, ed ammortizzatori e un sistema di scarico in acciaio inox. Insieme con il cruscotto in acciaio, cornici, pannelli, paraurti e supporti hanno realizzato un peso complessivo di acciaio 440 kg. Tuttavia, i clienti sono stati in grado di testare solo pochi anni dopo la prima versione leggera ufficiale.
Nel prospetto informativo, il CSL 3,0 si raccomanda sotto il libretto di istruzione come motto “superiorità vincente” come “versione speciale, in cui tutte le possibilità di progettazione sono orientate verso prestazioni e maneggevolezza.”
Già dall’esterno il CSL è contraddistinto da colori sgargianti, strisce da corsa, svasati parafanghi, decalcomanie e pneumatici larghi rispetto ai suoi fratelli CS 2.8, CS 3.0 o 3.0 CSi. Il risparmio di peso è stato supremo. Porte, motore e cofano del bagagliaio erano in alluminio. Il frontale è privo di paraurti. Insieme con vetri posteriori fissi, vetri sottili tutto intorno ed una dotazione di serie spartana con sedili sportivi hanno portato il 3.0 CSL a soli 1.165 kg, a secco. Questo corrisponde ad un rapporto peso potenza di appena 5,8 kg per CV. Ben 200 kg in meno rispetto all’esemplare da cui era derivato.

Può accelerare da 0 a 100 km / h in meno di sette secondi ed ha una velocità massima di 220 chilometri all’ora. La sportiva mirava all’impiego nel gruppo 2, ma doveva essere prodotto almeno in 1.000 esemplari.

Estremamente costoso
Questo in contrasto con il prezzo di ben oltre 30.000 Marchi (la versione di serie ne batteva 23.000 ,NdR). Quindi, inizialmente sono stati realizzati solo 165 veicoli con il motore a benzina da 180 CV.
Con la fondazione della BMW Motorsport GmbH nel maggio 1972, che stravolse tutto il modo di intendere la sportività per BMW. Il giovane team guidato da Jochen Neerpasch mise la BMW 3.0 CSL al centro di ogni sforzo. Al fine di rendere la coupé sportiva attraente per i clienti esigenti, gli ingegneri hanno installato il nuovo motore a iniezione con 147 kW / 200 CV, che ha ricevuto anche un aumento della cilindrata a 3003 centimetri cubici.
“Il 1973 lo abbiamo considerato come un anno di sviluppo,” ha dichiarato Jochen Neerpasch a suo tempo, “non possiamo pretendere di vincere anche questo campionato europeo.”
Circa 1,1 tonnellate sono state riportate sulla bilancia per la vettura da competizione. Sotto il cofano operava un 6 cilindri in linea modificato da 3’340 centimetri cubici, dodici valvole, iniezione meccanica ed un rapporto di compressione di 11:1. La potenza in uscita era di 360 CV.

Pronti per la pista
Per la prima volta una squadra corse aveva partecipato alla progettazione della vettura dal foglio da disegno fino alla chiave di avviamento. C’erano queste tre strisce di colore blu-viola-rosso su fondo bianco, che dominano l’aspetto delle vetture Motorsports BMW per questo giorno. Il gran premio delle vetture turismo al Nürburgring è andato a Hans-Joachim Stuck e Chris Amon. Il vincitore assoluto della classe Touring Car della gara di 24 ore di Le Mans è stato anche appannaggio di BMW, su una CSL.
Niki Lauda ha vinto la gara di campionato a Monza ed insieme con Hans-Peter Joisten la gara di 24 ore del Nürburgring-Nordschleife.

I modelli più potenti della BMW 3.0 CSL grazie al turbocompressore erogavano fino ad 800 CV e sono state completamente trasformate nell’aerodinamica rendo le vetture quasi irriconoscibili. La maggior parte dei veicoli stradali sono state rifatte nuovamente in veste parzialmente addomesticata per il cliente. Vetri normali, alzacristalli elettrici, paraurti cromati ed una confortevole sospensione standard mutuata dal CSi  è stato il minimo che si potesse fare. L’ultimo modello di CSL erogava 206 CV.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *