BMW 640d xDrive: “dai strada…ad una BMW”

Un vecchio claim BMW (ormai caduto in disuso) era “Dai strada…ad una BMW“.
Con la nuova BMW 640d xDrive, la strada è dove vorrete voi. Dal classico ed assicurante asfalto, al manto nevoso che vi si para davanti per raggiungere le più esclusive località sciistiche.
Il propulsore è il moderno 6 cilindri diesel con tecnologia TwinPowerTurbo da 313 CV a 4’400 rpm ed un coppia monstre di 630 N m (costanti da 1’500 e 2’500 rpm), coadiuvato del nuovo sistema a trazione integrale xDrive e dal cambio automatico a 8 rapporti by ZF, riesce a coprire il classico 0-100 km/h in 5,2 secondi.
La coppia motrice generata dal motore viene ripartita dal sistema xDrive in modo variabile e preciso tra le ruote anteriori e le ruote posteriori. Il controllo elettronico del sistema collegato in rete con la regolazione della stabilità di guida DSC (Dynamic Stability Control) assicura il massimo livello di sicurezza, la migliore maneggevolezza e un’erogazione ottimale della potenza a tutte le condizioni meteorologiche e stradali. Il consumo medio di carburante della BMW 640d xDrive Coupé varia tra i 5,7 e i 5,8 litri per 100 chilometri (valori rilevati nell’ambito del ciclo di prova UE, a seconda della misura dei pneumatici preferita). I rispettivi valori di CO2 sono di 149 – 153 grammi per chilometro.

Il propulsore

L’ultima generazione del più potente propulsore diesel è dotata di una cilindrata di 3 000 cm³, di un basamento in alluminio a peso alleggerito e di tecnologia BMW TwinPower Turbo ottimizzata. Il pacchetto tecnologico include la sovralimentazione turbo a due stadi e un sistema d’iniezione diretta Common-Rail con iniettori piezoelettrici che funzionano ad una pressione massima di 2 000 bar.
A regimi bassi entra in azione il turbocompressore più piccolo, che è in grado di reagire particolarmente velocemente grazie alla sua bassa coppia d’inerzia. L’aria compressa viene alimentata alle camere di combustione attraverso un condotto by-pass. Dato che l’aria non attraversa più il compressore di dimensioni maggiori, la pressione di sovralimentazione si alimenta senza perdite. Solo quando la richiesta di potenza sale ulteriormente il controllo elettronico dell’unità by-pass attiva il turbocompressore di dimensioni più grandi. Inoltre, la rapidità di risposta del sistema di sovralimentazione, funzionante in base alla rispettiva richiesta di carico, viene ottimizzata dalla geometria variabile della turbina del compressore più piccolo.  Il risultato sono delle reazioni estremamente veloci a ogni impulso del pedale dell’acceleratore. Il motore mette a disposizione la propria coppia massima di 630 Newtonmetri già tra i 1’500 ed i 2’500 rpm. La potenza di picco vieneraggiunta a un numero di giri di 4’400 rpm.

Tecnologia EfficientDynamics

Il modo ECO PRO, attivabile con il tasto di selezione della modalità di guida di serie, influenza positivamente la gestione motore, la linea caratteristica del pedale dell’acceleratore e le proprietà di cambiata del cambio automatico. In più, la gestione delle funzioni ad azionamento elettrico, per esempio del climatizzatore e del riscaldamento dei sedili e degli specchietti retrovisori esterni, assicura un utilizzo dell’energia particolarmente efficiente. Delle unità di visualizzazione speciali informano per esempio sul guadagno di autonomia, misurato in chilometri. Altre tecnologie BMW EfficientDynamics montate di serie nella BMW 640d xDrive sono la Brake Energy Regeneration, la funzione start/stop automatico, il controllo dei gruppi secondari in base al fabbisogno effettivo e il comando attivo delle prese d’aria.Grazie al tasto di selezione della modalità di guida sono attivabili le modalità „SPORT“, „SPORT+“ e „COMFORT“; in combinazione il Dynamic Damper Control, fornito come optional, e con Adaptive Drive, è disponibile anche la modalità di guida „COMFORT+“. Queste particolari configurazioni non influenzano positivamente solo la progressione del pedale dell’acceleratore, bensì anche la rapidità di risposta del motore, la linea caratteristica della servoassistenza, le soglie d’intervento del Controllo della stabilità di guida DSC e della dinamica di cambiata del cambio automatico, inoltre la mappatura degli ammortizzatori e la stabilizzazione antirollío. Il guidatore attiva un equilibrato setup che include anche il feedback acustico del motore. A questo scopo, la sonorità naturale del motore viene amplificata e trasmessa all’abitacolo da un modulo sonoro secondo la configurazione impostata attraverso il tasto di selezione della modalità di guida. L’elaborazione digitale dei segnali da parte del sistema prevede uno scambio diretto di dati con la gestione motore e considera sia il numero di giri che la coppia del propulsore e la velocità della vettura.

Sistema xDrive ottimizzato

Nella BMW 640d xDrive Coupé viene montata l’ultima generazione del sistema di trazione integrale intelligente che comprende, oltre alla trasmissione variabile della potenza alle ruote anteriori e posteriori, anche il Performance Control che provvede alla ripartizione della coppia motrice tra la ruota posteriore destra e quella sinistra.
A differenza dei sistemi tradizionali di trazione integrale, BMW xDrive a controllo elettronico non contribuisce solo a ottimizzare la trazione sugli sfondi scivolosi, ma anche ad incrementare il dinamismo di guida nelle curve. Grazie al collegamento in rete del sistema di trazione integrale e della regolazione della stabilità di guida DSC (Dynamic Stability Control) nell’Integrated Chassis Management (ICM), vengono riconosciute e valutate tutte le situazioni di guida, così da eseguire in tempo l’intervento di regolazione adatto. Questo viene attuato solo da xDrive oppure in combinazione con il DSC o con il Performance Control.
Come in tutti i modelli BMW a trazione integrale, nella guida normale il 60 percento della coppia motrice viene trasmesso all’asse posteriore e il 40 percento all’asse anteriore. Qualora necessario, la ripartizione può essere adattata in frazioni di secondo a un eventuale cambiamento delle condizioni. A differenza dei sistemi di trazione integrale tradizionali che reagiscono solo al momento in cui una ruota inizia a slittare, xDrive elimina qualsiasi rischio di sovrasterzo o di sottosterzo già nella sua fase di formazione. Per esempio, se la vettura rischia di sbandare con le ruote anteriori, una quota maggiore della forza motrice viene convogliata immediatamente alle ruote posteriori.
La possibilità di ripartire la forza motrice in frazioni di secondo tra le ruote anteriori e quelle posteriori in conseguenza alla variazione delle condizioni stradali è il risultato della regolazione elettronica del sistema xDrive. La frizione lamellare del ripartitore di coppia centrale viene regolata da un motorino elettrico passo-passo. Quando aumenta la pressione sulle lamelle, della forza supplementare viene trasmessa all’asse anteriore attraverso un ingranaggio: a frizione completamente aperta la vettura viene controllata esclusivamente dalle ruote posteriori. Grazie alla regolazione elettronica la variazione della distribuzione della coppia avviene in tempi record. L’apertura e la chiusura completa della frizione richiedono solo 100 millisecondi.
Il Performance Control apporta un contributo supplementare al dinamismo di guida. Il sistema a controllo elettronico provvede a un intervento dosato dei freni con compensazione della coppia, controllato dall’elettronica di regolazione di xDrive collegata in rete con il DSC, così che su fondi scivolosi e durante la guida altamente dinamica in curva la tendenza al sottosterzo viene compensata efficacemente già all’inizio, aumentando l’agilità della vettura. Non appena le ruote anteriori tendono eccessivamente verso l’esterno, la ruota posteriore al lato interno della curva viene frenata in modo controllato attraverso l’elettronica di regolazione di xDrive e DSC collegati in rete.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *