BMW Concept M4 GTS: dalla pista alla strada

BMW Concept M4 GTS

BMW Concept M4 GTS: dalla pista alla strada. Secondo BMW è la chiave di volta per una sportiva a 360°. Vistosa, affilata e intelligente.

BMW Concept M4 GTS è stata presentata stamane nell’ambito della mostra di automobili classiche di alta gamma in occasione della Monterey Car Week in California, USA.

La nuova BMW Concept M4 GTS riprende la tradizione delle edizioni speciali BMW M3, BMW M3 Evolution (1988), BMW M3 Sport Evolution (1990), BMW M3 GT (1995), BMW M3 CSL (2003), BMW M3 GTS (2010) e BMW M3 CRT (2011).
E come queste ultimi due modelli (GTS 2010 e CRT, NdR), ci appare che i limiti della vettura siano in realtà molto più vicini di quanto si voglia far credere. Insomma, a nostro avviso, questa BMW M4 GTS, non sembra così rivoluzionaria.

Gli splitter anteriori e lo spoiler posteriore a regolazione manuale, in carbonio, danno la possibilità di ricercare l’equilibrio aerodinamico perfetto e l’adattamento individuale alle condizioni del singolo circuito e all’uso nella guida stradale.
L’utilizzo di un nuovo cofano motore in CFRP che abbassa ulteriormente sia il peso che il baricentro e l’aggiunta di una grossa presa d’aria, che ottimizza il convogliamento della stessa ed i valori di portanza
dell’asse anteriore fanno il resto.
Per sottolineare lo stacco netto dalla BMW M4 “normale” abbiamo una esclusiva vernice esterna frozen dark grey metallizzato, completata da un tocco di colore in acid orange e ripresa dai cerchi in lega fucinati e lucidati, a peso ridotto, in ferricgrey, dallo styling 666 M.
I cerchi hanno misure specifiche all’anteriore 9,5 J × 19 ed al posteriore 10,5 J × 20 su cui sono calzati pneumatici “Michelin Sport Cup 2“dalla misura anteriore 265/35 R19 e posteriore 285/30 R20.
Come optional per la BMW Concept M4 GTS sono disponibili delle ruote ibride in CFRP, che saranno offerte per la prima volta in un modello di serie della BMW M GmbH e determineranno una netta riduzione delle masse non sospese e in rotazione.

Il propulsore della BMW Concept M4 GTS è dotato dell’innovativo sistema d’iniezione d’acqua, utilizzato già nella BMW M4 MotoGP Safety Car dove ha provveduto a un sensibile aumento della coppia e della potenza. Nel sistema d’iniezione d’acqua applicato dalla BMW M GmbH, gli ingegneri utilizzano le proprietà fisiche dell’acqua di sottrarre l’energia necessaria per l’evaporazione al mezzo che la circonda. Spruzzando una finissima nebbia d’acqua nel collettore di aspirazione, nella fase di evaporazione essa provvede a un sensibile raffreddamento dell’aria aspirata. Conseguentemente, cala anche la
temperatura finale di compressione nella camera di combustione e così anche la tendenza a detonazioni, e il motore turbo può funzionare a una pressione di sovralimentazione superiore, anticipando l’accensione. Se la riserva d’acqua viene ad esaurirsi, il propulsore ritorna alla configurazione “standard” della BMW M4.

La BMW Concept M4 GTS è equipaggiata con innovative luci posteriori in tecnologia OLED. Gli OLED – diodi organici a emissione di luce – sono delle innovative fonti d’illuminazione che emettono una luce omogenea e dall’ampia diffusione, a differenza dell’emissione puntuale di luce delle unità LED. L’altezza
ridotta di solo 1,4 millimetri e la possibilità di controllare separatamente i singoli moduli luminosi crea delle possibilità completamente nuove di scenografie delle luci. La tecnologia OLED consente di realizzare un nuovo effetto plastico, un’immagine inconfondibile e trasmette un altissimo livello di precisione.

Le parole di Frank Von Meel – Presidente ed Amministratore Delegato di BMW GmbH

“BMW Concept M4 GTS offre un’anteprima di un’esclusiva edizione speciale, a forte carica emotiva, con tecnologie innovative, sviluppata con coerenza per l’utilizzo sul circuito. Nonostante le eccellenti
caratteristiche di guida sulla pista, è stata assicurata l’omologazione stradale senza alcuna limitazione. Tecnologia delle corse per la strada nel vero senso della parola”

Cartella Stampa completa della BMW Concept M4 GTS

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *