BMW Connected: ora insieme a Google Assistant

BMW Connected Google Assistant

BMW Connected assicura una inter-connessione sempre maggiore tra gli utenti ed il mondo digitale. Ora con Google Assistant il controllo di alcune funzioni è ancora più immediato

BMW Connected assicura che le auto dei clienti possano essere completamente connesse con un sempre maggiore numero di punti di contatto digitali. E ora con Google Assistant, i clienti possono accedere in maniera rapida e veloce, ad alcune funzioni del veicolo, direttamente dalla propria abitazione. Inoltre è possibile usufruire dei comandi vocali e di Google Home, o mentre si è in movimento su smartphone Android o Apple adatti.   

L’integrazione con Google Assistant aumenta ulteriormente la dimensione della rete digitale di BMW Connected, che ora dispone di assistenti aggiuntivi e controllati tramite comandi vocali, come gli Apple Watch, Android smartwatch e Amazon Alexa. Tutto ciò porta l’integrazione di BMW Connected nello stile di vita digitale del cliente ad un livello superiore.

Il potere delle parole: rapide indagini, controllo veloce

BMW Connected presenta ai clienti una serie di possibilità per la gestione degli appuntamenti e dei contatti, la pianificazione del percorso e le funzioni del veicolo sulla base della loro agenda di mobilità personale. A tal fine, il veicolo è collegato (tramite la Open Mobility Cloud) ai dispositivi digitali selezionati dall’utente. 

I clienti possono ora anche godere dei servizi della loro BMW, integrati nella loro vita quotidiana, via BMW Connected in ogni momento ed anche dalla loro abitazione. E qui il Google Assistant fornisce un’altra nuova opzione. Utilizzando i comandi vocali, il cliente può controllare se i vetri e le porte della sua BMW sono chiuse e l’autonomia residua della BMW i3, oltre a chiedere informazioni sugli appuntamenti imminenti ed agli orari di partenza necessari a seconda della situazione del traffico.

Comandi vocali: “Ok Google, ask BMW…”

Per attivare BMW Connected, tutti gli utenti devono dire “Ok Google, chiedi BMW …”. Ad esempio possono chiedere: “Quando è il mio prossimo appuntamento? Invia l’indirizzo al mio veicolo”, “Quando devo partire?”, “Quando dovrò trattenermi?” o “Ho chiuso l’auto?”
Queste funzioni consentono agli utenti di ottimizzare la pianificazione della mobilità personale in una fase precoce e consentire un arrivo confortevole e privo di stress alla destinazione.

BMW Connected sarà integrato con Google Assistant a partire dal dicembre 2017 (negli Stati Uniti al lancio, altri paesi seguiranno).

Cartella stampa completa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *