BMW i6: il terzo modello sarà anche Range Extender


BMW i6 BMW i5

BMW i6, o forse i5, sarà il terzo modello del brand BMW i e secondo il responsabile di prodotto sarà disponibile anche con modalità Range Extender.

BMW i6, o forse i5, sarà il terzo modello del brand BMW i e secondo il responsabile di prodotto sarà disponibile anche con modalità Range Extender. Henrik Wenders, responsabile del prodotto BMW i, ha fatto luce su ciò che potrebbe essere la nuova BMW i6 o i5.
Senza rivelare molti dettagli, Wenders afferma che il futuro modello sarà offerto con l’opzione range extender.

Wenders dichiara a Car and Driver:

“La gamma-extender svolgerà un ruolo importante nei prossimi anni, quando l’autonomia rimane un fattore limitante ed una fonte di ansia. Naturalmente, una volta che abbiamo ottenuto un’autonomia che è più simile a quella di un motore a combustione interna, lo stesso REV diventerà obsoleto. Quindi questo è il motivo per cui posso dire che continueremo ad offrire la gamma-extender in futuro, come optional, per affrontare diverse esigenze dei clienti “.

Wenders ha anche parlato della BMW i3 equipaggiata con il Range Extender, primo veicolo elettrico di BMW.

“All’inizio le vendite della i3 con il range extender, sono state molto più di quanto ci aspettassimo. Più del 60 per cento. Ma abbiamo notato che realmente solo meno del 5% degli utilizzatori ricorrono al Range Extender quando utilizzano la loro BMW i3 per la mobilità di tutti i giorni. E’ solamente un fattore psicologico.”

Mentre la BMW i3 è ancora molto lontana dal diventare la vettura principale in una famiglia, la futura BMW i6 è probabile che sia la prima opzione in garage per vettura da famiglia.

Wender continua:

“Stiamo pensando ad un nuovo modello al di sopra della BMW i3 per attirare le famiglie, e questo significa che deve essere in grado di essere la prima vettura in casa. Stiamo ancora lavorando molto duramente sul concetto di utilizzo, ma questo deve essere definito dal mercato e non da noi. “

La nuova BMW i6 sarà probabilmente equipaggiata con la versione più recente della tecnologia sviluppata da BMW, compresa la sesta generazione del sistema multimediale iDrive, pack batterie più efficiente e una terza nuova architettura, questa volta per i veicoli elettrici “componibili”. La nuova architettura FSAR / platform dispone di un pavimento piatto sopra una sezione “sandwich” da riempire con le batterie. E’ concepita come una piattaforma modulare, che consente di allungarsi o ridursi in alcuni punti.

Il grande interrogativo rimane intorno alla trasmissione, le scelte che sono percorribili sono: veicolo elettrico (BEV), ibrido, o a celle-combustibili. Per raggiungere l’obiettivo delle 60.000 unità all’anno, la BMW i6 probabilmente dovrà vantare un mix di materiale più vario, tra cui la fibra di carbonio.

I dirigenti BMW si sono detti favorevoli ad una nuova batteria al litio-polimero, che è a quanto riferito, è in grado di triplicare la capacità di energia a circa 500 kWh, mentre il taglio dei costi pari alla metà rispetto alle batterie attuali al Litio. Questa tecnologia, che è supportato da fornitori chiave come Bosch, riduce il peso del pack batteria – necessaria per una autonomia reale di 300 miglia (480 km) – da 600 a 200 kg. La potenza sarebbe trasmessa alla strada da due o quattro motori elettrici. La data di uscita è prevista a volte nel 2020.

Potrebbero interessarti anche...