BMW N57 dieselgate, richiamo per oltre 11 mila esemplari


 

BMW 3.0 quad turbo 750d

BMW N57: il 6 cilindri 3.0 litri tri-turbodiesel della casa Bavarese sarà oggetto di una azione di richiamo per limitare le emissioni inquinanti su oltre 11 mila esemplari

BMW dichiara che è stato inserito – erroneamente – un software non adatto alla tipologia di veicolo per il quale il propulsore era destinato

Una nuova tegola cade su BMW per lo scandalo Dieselgate, anche se – dai primi comunicati ufficiali – lo scenario appare molto diverso dagli scandali in cui è stato coinvolto il Gruppo Volkswagen. A differenza di altri marchi, non abbiamo una problematica su larga scala, ma su un numero ristretto di esemplari: 11’700 per la precisione.

Questi oltre 11 mila veicoli sono tutti equipaggiati con il propulsore BMW N57 in versione tri-turbo con 381 CV e riguardano i modelli

  • BMW M550d xDrive
  • BMW M550d xDrive Touring
  • BMW 750d xDrive
  • BMW 750Ld xDrive

Quindi modelli di alta fascia con un problema specifico, ma risolvibile.

 

Viene da chiedersi: perché sulle BMW X5 M50d xDrive e BMW X6 M50d xDrive, che sono equipaggiate con il medesimo propulsore, questa problematica non è presente?

È presto detto. Sui due SUV di Monaco, il propulsore BMW N57 è associato ad un filtro SCR con post-iniezione di AdBlue, che si è reso necessario per l’omologazione alle norme Euro6 dei veicoli. In associazione, ovviamente, ad un filtro DeNOx.

Questo sistema non era necessario per le BMW M550d e BMW 750d per soddisfare tutte le normative. Tuttavia, a causa di un errore umano, il software del motore per le X5 M50d e X6 M50d è stato anche erroneamente utilizzato su M550d (F10, F11) e 750d (F01, F02) – con conseguenti problemi di purificazione dei gas di scarico perché l’iniezione di AdBlue non era installato nelle berline.

M550d F10

Un problema scoperto stesso da BMW

BMW ha notato nei test interni che alcune BMW M550d e 750d hanno ricevuto erroneamente gli aggiornamenti software errati. Non è stato un problema a livello nazionale, motivo per cui non tutti gli M550d e 750d sono interessati. BMW ha informato la KBA (Kraftfahrt-Bundesamt, l’ente che rilascia le omologazioni sul mercato tedesco, NdR) del problema ed ha pianificato un richiamo di tutti i modelli per essere sicuri di avere di nuovo tutti i propulsori BMW N57 delle M550d e 750d con il loro software originario.

Comunicato stampa di BMW

Il BMW Group ha riscontrato nei test interni che un software correttamente sviluppato è stato assegnato per errore ad alcune versioni del modello non idonee. Di conseguenza, il BMW Group ha informato immediatamente le autorità responsabili. Il software corrispondente è stato sviluppato correttamente per i veicoli con un sistema combinato di convertitore catalitico di stoccaggio SCR e NOx.

Tuttavia, questo software è stato erroneamente utilizzato nelle versioni del modello il cui post-trattamento degli scarichi avviene esclusivamente tramite un convertitore catalitico di stoccaggio NOx. Questi modelli sono stati dotati del software corretto al momento della loro registrazione iniziale all’inizio della produzione nel 2012. 
Pertanto, il BMW Group prevede di richiamare 11.700 veicoli. 

Il software corretto verrà fornito per questi veicoli dopo l’approvazione da parte delle autorità competenti.

Sono interessati i motori di nicchia della generazione di modelli già fuori produzione della BMW Serie 5 e della BMW Serie 7 dagli anni di costruzione dal 2012 al 2017 con il motore diesel ad alte prestazioni BMW N57B30S1 con tre turbocompressori. In dettaglio, i modelli interessati sono:

  • BMW M550d xDrive Sedan (produzione 03 / 2012 – 10 / 2016) 
  • BMW M550d xDrive Touring (produzione 03 / 2012 – 02 / 2017) 
  • BMW 750d xDrive (produzione 07 / 2012 – 06 / 2015) 
  • BMW 750Ld xDrive (produzione 07 / 2012 – 06/2015) 

Tutte le ulteriori fasi sono svolte in stretto coordinamento con le autorità.

 

Potrebbero interessarti anche...