BMW X5 M F15: primo muletto su strada

La nuova BMW X5 F15, attesa per la fine del 2013, inizio 2014 si mostra nella sua veste ad alte prestazioni. Come è possibile che sia la variante Motorsport? In primis per via dei quattro terminali d’uscita al posteriore, in seconda battuta dalle generose prese d’aria disseminate sul frontale dell’autovettura ed in terza, ma non meno importante, il sistema frenante, coadiuvato all’anteriore da pinze a 6 pompanti e di tonalità blue elettrico, così come sono state sdoganate su BMW M5 e BMW M6.

Nata sul pianale rivisto di F10-F11, la nuova BMW X5 F15, si prefigge l’obiettivo di esser più leggera (-200 kg)  e maneggevole ed al tempo stesso riuscire ad abbassare ulteriormente consumi ed emissioni, pur rimanendo ai vertici della categoria per prestazioni assolute.
La versione Motorsport, così come le prossime, avranno nomenclatura a parte (come succederà già sulla prossima M3-M4 che hanno sigla di progetto F80-F82, al posto di F30-F32, ndr) ed avrà una serie di primizie tecnologiche che saranno poi riversate anche sull’intera gamma BMW. In primis il nuovo airbag salva-pedone ed in seconda battuta l’I-Drive di terza generazione con comando Touch.
La gamma “classica” sarà composta sicuramente dalle unità a 6 ed 8 cilindri a benzina e dalle varie declinazioni di 6 cilindri a gasolio. Molto suggestiva l’ipotesi di una gamma entry-level a basse emissioni con motori 4 cilindri benzina-gasolio e modulo ibrido.
La punta di diamante, invece, dovrebbe farsi fregio del V8 S63TU da 4.4 litri che già equipaggia le attuali M5 e M6, ma per l’occasione potenziato sino a 426 kW / 580 CV.

Per quanto riguarda la linea esterna, le proporzioni non si distaccheranno di molto dall’attuale X5, ma il frontale avrà uno sguardo marcato nello stile già inaugurato dalla nuova BMW Serie 3 F30.

All’interno, invece, avremo la comparsa del nuovo navigatore “tablet” da 8.8 pollici che ha già fatto il suo debutto sulla nuova BMW Serie 6, mentre la plancia sarà di nuovo “driver-oriented”.

Topic spy degli interni

Per saperne altro sul propulsore S63TU: cliccate qui

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *