Dieselgate: BMW non modificherà le vetture coinvolte


BMW Quad-Turbo Diesel B57S

BMW sta subendo pressioni dal Governo Tedesco al fine di modificare le vetture coinvolte nello scandalo Dieselgate

La casa Bavarese rifiuta di modificare le vetture ed offre un risarcimento monetario ai proprietari

BMW sta subendo pressioni dal Governo Tedesco per finanziare gli aggiornamenti hardware su alcuni veicoli diesel, unendosi a come hanno già fatto Daimler e Volkswagen Group nel concordare di pagare per ripristinare le vetture al fine di rispettare gli standard di emissione. BMW vuole lavorare su un’altra strada, annunciando che offrirà ai clienti che saranno colpiti dal divieto di circolazione dal 2020, un rimborso economico fino a 3’000 Euro.

Dopo aver incontrato giovedì scorso, il ministro dei trasporti Andreas Scheuer a Berlino, BMW si è nuovamente opposta all’idea di modificare le proprie vetture per rispettare i limiti di emissione, compresi gli aggiornamenti software e gli incentivi commerciali che, secondo la casa tedesca, stanno già contribuendo a rendere l’aria più pulita.

Gli aggiornamenti hardware rendono l’auto più pesante e portano ad un consumo maggiore“, ha dichiarato l’amministratore delegato della BMW, Harald Krueger, a Bloomberg . L’installazione successiva di hardware pronto per la produzione di serie non sarà disponibile prima della fine del 2021, anche con una procedura di autorizzazione accelerata, ha detto BMW.

Modifiche invasive non sono nelle corde di BMW

Le soluzioni hardware sono un elemento di un pacchetto di misure concordate dal governo di Angela Merkel il mese scorso. L’obiettivo principale è l’offerta di “trade-in” (ossia di permuta agevolata) nelle città più inquinate, che consentirà ai proprietari di modelli con standard Euro 4 e Euro 5 di acquistare modelli usati moderni anziché solo auto nuove.

In passato, BMW si è già offerta di ritirare gratuitamente le vetture Diesel a noleggio, prima della scadenza del NLT.

Quest’anno la Germania ha instituito il divieto di guida, localmente, nei centri cittadini. L’ultima è stata trasmessa da un tribunale di Colonia in seguito a decisioni analoghe in città come Berlino, Francoforte e Monaco. La corte ha ordinato ai governi della città di Colonia e Bonn di introdurre divieti parziali per alcune vecchie auto diesel dall’aprile 2019.

Nelle 14 città tedesche più inquinate, la Volkswagen ha dichiarato che prevede in media sconti di circa 5.000 euro per i modelli diesel Euro5 e circa 4.000 euro per le auto più vecchie. BMW offre incentivi per 6.000 euro, e Daimler Mercedes-Benz 5.000 euro.

 

Potrebbero interessarti anche...