BMW Group Aero LAB: la BMW M4 DTM prende il “volo”

""</p

BMW Group Aero LAB: con i nuovi regolamenti tecnici, la galleria del vento ha giocato un ruolo chiave nello sviluppo della BMW M4 DTM 2017

Aero LAB del BMW Group: con i nuovi regolamenti tecnici, la galleria del vento ha giocato un ruolo chiave nello sviluppo della BMW M4 DTM 2017. Il lavoro svolto sulla BMW M4 DTM in galleria del vento prima dell’inizio della stagione DTM 2017 l’ha cambiata notevolmente. In precedenza, gli specialisti d’aerodinamica avevano più tempo per svolgere un lavoro dettagliato, al fine di assicurare la migliore efficienza aerodinamica nello sviluppo di una nuova auto. Ora, un giorno, nel BMW Group Aero Lab è più simile ad una giornata in pista.

50 volte 15: questa è stata la formula usata dagli esperti di aerodinamica di BMW Motorsport durante lo sviluppo della nuova BMW M4 DTM in vista della stagione 2017. Sono stati autorizzati 50 giorni nella galleria del vento, con un massimo di 15 ore al giorno. Non un minuto di più. Al fine di mantenere bassi i costi di sviluppo delle nuove vetture DTM, l’Associazione Motorsport Tedesca (DMSB) ha lavorato con i produttori rappresentati nella serie, per limitare il tempo di sviluppo in galleria del vento.

Per sfruttare al massimo il tempo limitato consentito, gli specialisti del flusso d’aria hanno riesaminato i propri processi e metodi, avendone enorme successo.

Corsa contro il tempo

Nel motorsport moderno, la massima efficienza non è solo un fattore chiave durante il fine settimana di gara, ma anche nel processo di sviluppo. Ogni minuto conta. La pianificazione di una sessione di galleria del vento è stato completamente adattata al nuovo regime per la BMW M4 DTM, ed è simile ad una giornata di test in una pista. Gli ingegneri prima definiscono la configurazione iniziale, poi creano un calendario preciso per le prove successive. L’attenzione è stata impostata principalmente sulla struttura del modello in prova in galleria del vento. Rispetto allo sviluppo della BMW M4 DTM 2014, è stato realizzato in maniera maggiormente modulare, al fine di consentire la modifica rapida dei dettagli aerodinamici. Ad esempio: i test utilizzano un cofano composto da otto singoli componenti che possono essere scambiati separatamente.

La precisione è fondamentale

A seconda della complessità dei pezzi da commutare, i tecnici aerodinamici di BMW hanno potuto verificare, in media, tre configurazioni dell’auto all’ora. Il modello è stato preparato, montato su un hexapod e precisamente posizionato con tolleranze massime di un centesimo di millimetro, per consentire la simulazione di diverse situazioni di guida, come curve veloci, tornanti stretti e rettilinei. Mentre un modello in scala (60 per cento) della BMW M4 DTM era ancora in costruzione, il lavoro era già in corso con la raccolta ed analisi dei dati. In definitiva, nessun ulteriore tempo di prova potrebbe essere sprecato in una configurazione che non aveva raggiunto precedentemente il risultato desiderato.

È possibile visualizzare il video time-lapse della nuova BMW M4 DTM nella galleria del vento del BMW Group Aero LAB in calce

Cartella stampa completa

Potrebbero interessarti anche...