BMW M3 Competition Package vs Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio AT8

BMW M3 Competition Package - Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio

BMW M3 Competition Package finalmente in confronto diretto con la Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio AT8. Non una battaglia in senso stretto, ma un confronto sincero tra due modi di esser sportivi

Berlina contro berlina. La BMW M3 Competition a confronto con la “new entry” Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio. Due anime, una sola missione: emozionare

Le abbiamo ammirate e confrontate in ogni salsa; sia in versioni per il mercato Europeo, sia in quelle per il mercato a “Stelle e Strisce“.
Con non pochi difetti di gioventù per entrambe, Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio e BMW M3 Competition Package, vengono messe a confronto sulle grandi strade Americane. Ancora si pone l’accento sulle sensazioni che trasmettono, piuttosto che sulla fredda tecnica impiegata; dove – per inciso – è di altissimo livello per entrambe.

6 cilindri per entrambe

Partiamo dalle cose in comune: 6 cilindri.
In linea e da 3.0 litri per la BMW M3 Competition, V6 e 2.9 litri per la Giulia.

Il 6 cilindri in linea S55 di BMW è un piccolo capolavoro di riprogettazione ingegneristica. ll Competition Package regala un aumento della potenza erogata di 14 kW / 19 CV che porta il 6 cilindri 3.0 litri sovralimentato da doppio turbocompressore con tecnologia BMW M TwinPowerTurbo da 317 kW / 431 CV a 331 kW / 450 CV.

V6 da 90° per 2.9 litri e la più alta potenza specifica per un V6. Ben 510 CV per un propulsore creato ex-novo dall’unione dei tecnici di Maranello e delle “Skunks” di Alfa Romeo. Il suo progenitore ispiratore è il V8 da 3.9 litri della Ferrari California T, da cui eredita tutto lo studio della fluidodinamica e parte delle tecniche costruttive. 

La trasmissione, anche qui ha due anime distinte: la bavarese utilizza un sistema a doppia frizione con 7 rapporti; Alfa Romeo utilizza l’automatico di ZF ad 8 con una mappatura ad hoc che non fa rimpiangere il DCT di Monaco. 

Il Competition Package

La potenza extra significa anche migliori prestazioni. Le BMW M3 equipaggiate con il cambio a doppia frizione a 7 marce M-DCT coprono il classico 0-100 km / h  in soli 4,0 secondi (senza Competition Package: 4,1 s). 

Il Competition Package include anche le Sospensioni Adaptive M, che sono state ampiamente messe a punto sul miglior mix di prestazioni e maneggevolezza. Grazie a nuove molle, ammortizzatori e barre antirollio, insieme a modalità di guida riconfigurati (Comfort, Sport e Sport +), è una chicca dello ZCP.
Il differenziale BMW M Active sull’asse posteriore, insieme al controllo della stabilità DSC, è stato configurato per soddisfare le nuove dinamiche di guida. 

Ora basta parlare e godiamoci il video di confronto! 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *