BMW i: nuove batterie con ciclo di vita di 15 anni!


BMW i Battery Research Centre

BMW i: il brand “elettrico” di BMW brevetta una nuova batteria che avrà un ciclo vitale di 15 anni. Nuovi investimenti in R&S che arrivano a 200 milioni di Euro

BMW continua a spingere la sua opera pionieristica verso l’auto elettrica ed ibrida attraverso il suo brand BMW i. Difatti è recente un nuovo investimento di € 200 milioni in quattro anni in un centro di ricerca sulle celle a batteria in Monaco.

BMW ha da sempre confermato l’intenzione di offrire 25 veicoli elettrici o ibridi plug-in entro il 2025. Una decina di questi saranno veicoli elettrici (EV).

Ma un altro problema è la durata della batteria con il suo ciclo vitale. Scopriamo dove va BMW…

Uno dei principali fattori che le persone prendono in considerazione al momento di decidere se acquistare un’auto elettrica o meno, riguarda la durata prevista della batteria. È diventato un problema piuttosto ovvio recentemente, poiché ci siamo abituati ai nostri smartphone che hanno problemi a mantenere i loro livelli di carica abbastanza alti da durare per tutto il giorno. Inoltre, molti di noi stanno sperimentando un improvviso calo delle prestazioni sui nostri telefoni dopo due anni, soprattutto quando si tratta di durata della carica. 

Secondo Andreas Raith, responsabile Ricerca e Sviluppo per il pack-batteria di BMW i, non sarà un problema. BMW afferma che le batterie supereranno effettivamente il ciclo vitale della vettura stessa.

Un calo fisiologico è naturale dopo 15 anni, ma avviene anche per un motore a combustione interna

Allo stesso tempo, ha ammesso che c’è da aspettarsi un calo della tenuta di carica da una batteria di 15 anni, che potrebbe scendere al 70% nella peggiore delle ipotesi.

“I margini riscontrati sembrano ancora esser adatti per una vettura, quindi non ci preoccupiamo più di tanto. Spingiamo comunque nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie per aumentare la densità di carica. Attualmente non crediamo che le prestazioni globali ne risentiranno di molto, ma il 70-80% di capacità residua dopo 15 anni è un risultato accettabile. I dati sul campo dimostrano che stiamo ben al di sopra di quel livello “.

Andreas Raith

All’interno del nuovo centro batterie BMW a Monaco

L’investimento di 200 milioni di Euro sarà impegnato per un nuovo centro di competenza per i pack batteria” che verrà aperto all’inizio del 2019. Lo studio si concentrerà nelle reazioni chimiche nelle celle della batteria e creerà 200 nuovi posti di lavoro, secondo BMW.

Il Responsabile del reparto Ricerca e Sviluppo del BMW Group, Klaus Fröhlich ha dichiarato:

“Concentreremo tutte le nostre competenze interne lungo la catena del valore delle celle della batteria nel nostro nuovo centro di competenza high-tech. Esperti internazionali che lavoreranno nei nuovi laboratori e presso le strutture di sviluppo, condurranno importanti ricerche per perfezionare la chimica delle celle e la progettazione delle stesse

Ci concentreremo su ulteriori miglioramenti in termini di prestazioni della batteria, durata, sicurezza, ricarica ed anche ottimizzazione dei costi. Stabiliremo il punto di riferimento per l’industria“.

Autonomie delle BMW elettriche: obiettivo oltre 700 km

BMW ha dichiarato di essere impegnata a sviluppare la sua quinta generazione di propulsori elettrici, prevista per il lancio nel 2021, in cui l’interazione tra il motore elettrico, la trasmissione, l’elettronica di potenza e la batteria sono state ulteriormente ottimizzate. 

L’autonomia delle vetture BMW i EV dovrebbe estendersi a 700 km con una singola carica.

L’integrazione del motore elettrico, della trasmissione e dell’elettronica di potenza in un unico componente modulare, utilizza meno parti e quindi consente di risparmiare sui costi. 

 

Potrebbero interessarti anche...