BMW hydrogen: con TOTAL per le nuove stazioni di rifornimento

BMW Hydrogen Total

BMW Hydrogen: grazie a TOTAL debutteranno una nuova generazione di stazioni di rifornimento dell’idrogeno che si estenderanno dalla Germania Meridionale al Lago di Garda in Italia.

BMW hydrogen: grazie a TOTAL, ora è possibile guidare auto alimentate a cella combustibile lungo tutta la rete viaria dalla Germania meridionale al Lago di Garda in Italia. L’apertura della stazione di idrogeno in Detmoldstrasse di Monaco, completa il Sud Cluster del progetto europeo HyFIVE, che comprende Stoccarda, Monaco, Innsbruck e Bolseno. “Questa nuova forma di mobilità, a base di idrogeno, offre agli utenti privati ​​e commerciali a zero-local-emissioni a lunga distanza mobilità elettrica senza concessioni sui tempi di comfort, spazio e di rifornimento,” Matthias Klietz, responsabile della ricerca Powertrain alla BMW Group, riassume i vantaggi dell’idrogeno.

La TOTAL stazione di rifornimento multi-energy in Detmoldstrasse segna una tappa importante. È la prima stazione di rifornimento pubblica del mondo in cui le due pompe erogano idrogeno utilizzando due diversi tipi di tecnologia rifornimento che aiuteranno lo sviluppo della tecnologia BMW Hydrogen, vale a dire:

  • 700 bar tecnologia CGH2 stoccaggio di idrogeno standard del settore. Questa tecnologia di rifornimento per veicoli a celle a combustibile a idrogeno è già attivo e funzionante.
  • Cryo-compressed tecnologia di stoccaggio dell’idrogeno (CCH2). Questa tecnologia, sviluppata dal Gruppo BMW per il progetto BMW Hydrogen, prevede l’immissione di idrogeno gassoso a bassa temperatura a bordo del veicolo ad una pressione massima di 350 bar. È attualmente in fase di sviluppo avanzato e verrà solo in funzione per uso generale nell’intervallo di tempo più lungo. Serbatoi CCH2 offrono fino al 50% in più di capacità di stoccaggio di idrogeno rispetto a quelli da 700 bar e sono in grado di supportare un driving range di oltre 500 chilometri.

Al fine di ricercare e sviluppare entrambi i tipi di sistema di deposito e la loro integrazione nel veicolo, è importante per il Gruppo BMW avere entrambi i sistemi disponibili per i test nel mondo reale e non solo in laboratorio. Molto scenari di test più realistici possono essere raggiunti se i test di laboratorio sono integrate da test in una stazione di servizio pubblico.

 Veicoli elettrici a celle a combustibile a idrogeno offrono:

  • Rifornimento veloce e conveniente in meno di cinque minuti – che è circa lo stesso tempo necessario per rifornire di benzina o diesel veicolo convenzionale.
  • Guida lunghe distanze in eccesso di 500 chilometri a causa dell’alta densità di energia dell’idrogeno.
  • All-elettrico, la guida a zero emissioni locali.

Dal momento che i veicoli elettrici a celle a combustibile sono particolarmente indicati per i viaggi di lunga-distanza, sono il complemento ideale per i modelli BMW i, e per il futuro dei modelli plug-in-hybrid di BMW, che si baserà sulla tecnologia eDrive già collaudata. La cella a combustibile converte l’idrogeno gassoso nel serbatoio del veicolo in energia elettrica e acqua. Poiché la batteria ad alto voltaggio serve solo come un buffer di potenza, una batteria molto più piccola e leggera può essere utilizzato su un veicolo a batteria-elettrico. Un grande vantaggio per BMW Hydrogen.

Nel lungo periodo, l’idrogeno a celle combustibili diventerà parte integrante del programma EfficientDynamics di BMW, aggiungendo alla diversità del portafoglio powertrain del BMW Group.Questo portafoglio può essere flessibile su misura per diversi concetti di veicoli, le esigenze dei clienti e ai requisiti legali e normativi nei mercati automobilistici internazionali.

Tuttavia, un requisito fondamentale per il successo di veicoli a celle a combustibile a idrogeno è lo sviluppo di una infrastruttura di rifornimento di idrogeno nei mercati automobilistici rilevanti. In importanti mercati iniziali per l’idrogeno, come il Giappone, California / USA e in Europa (in particolare in Germania, Regno Unito e Scandinavia), è realistico supporre che le iniziative infrastrutturali in corso porterà alla creazione di una infrastruttura iniziale di rifornimento di idrogeno di circa il 2020. A differenza di Giappone, che come isola ha poco o nessun bisogno di fare concessioni per il traffico transfrontaliero, l’Europa deve affrontare molto più impegnativo requisiti in termini di garantire un’infrastruttura transnazionale.

Il BMW Group sta quindi contribuendo attivamente con la sua esperienza come partner di importanti iniziative per lo sviluppo e la progettazione di una infrastruttura per l’idrogeno, come le iniziative H2 Mobility e CEP in Germania, e anche come un membro attivo in celle a combustibile idrogeno di impresa comune dell’UE . Dal punto di vista della tecnologia, anche la cooperazione con partner forti ha buon senso, al fine di accelerare lo sviluppo. Il BMW Group quindi collabora intensamente con TOTAL Germania e il Gruppo Linde su processi e tecnologie rifornimento.

Nel lungo termine, le mosse sono in corso per utilizzare elettrolisi potere-a-gas per immagazzinare elettricità rinnovabile surplus sotto forma di idrogeno. Produzione di idrogeno da energia elettrica surplus offrirebbe una prospettiva realistica a lungo termine di garantire una fornitura economicamente efficiente dell’idrogeno verde per veicoli elettrici a celle a combustibile.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *