Coppa America: BMW supporta il Team Oracle nella progettazione

Coppa America

Blutspendedienst, Immenstadt, 13.10.2015.

Coppa America: BMW – partner tecnico del Team Oracle Racing – passa al contrattacco per difendere il titolo vinto nella passata edizione, mettendo a disposizione la propria galleria del vento per gli studi aerodinamici.

Coppa America e BMW. Le automobili del BMW Group sono solitamente progettate per la massima efficienza e la loro capacità di fender l’aria. In questi giorni, però, un oggetto piuttosto insolito è al centro delle analisi aerodinamiche degli ingegneri BMW: un catamarano.

E’ nella galleria del vento al Centro Ricerca e Innovazione del BMW Group (FIZ) che per gli addetti ai lavori rappresenta una delle sfide più tecnologicamente esigente fra tutte le competizioni sportive al mondo: la Coppa America.

BMW Oracle Racing, Difensore della 35a America, ha vinto il prestigioso trofeo le ultime due volte ed ora ha i suoi occhi puntati su una tripletta. Prende questa ultima missione, a fianco del Technology Partner BMW – in una combinazione che portato il successo assieme nel 2010 a Valencia in Spagna, quando la squadra ha vinto per la prima volta il più antico trofeo dello sport internazionale.

Holger Gau, BMW esperto di metodi di simulazione 3D:

“Questa volta, gli ingegneri si trovano ad affrontare nuove sfide, i catamarani della Coppa America volano sui loro fogli, trascorrendo la maggior parte del loro tempo quasi completamente fuori dall’acqua. Questo è spettacolare per gli spettatori, fisicamente impegnativa per gli equipaggi, e vuol dire che noi ingegneri e progettisti dobbiamo concentrare i nostri sforzi sulla ricerca di quel vantaggio decisivo in termini di velocità: l’idrodinamica dello scafo difficilmente ha un ruolo più. L’aerodinamica è più importante per noi. “

A causa di questo, non c’è da meravigliarsi che il centro di prova aerodinamico della casa automobilistica di Monaco e la competenza degli specialisti BMW, avranno un ruolo chiave nella progettazione degli yacht da regata del BMW Oracle Racing.

Grant Simmer, il team Chief Operating Officer:

“BMW è una società, il cui successo è basato sulla progettazione innovativa. Si tratta di esser un leader quando si tratta di tecnologia all’avanguardia. La cooperazione sulla vittoria di Coppa America nel 2010 ha mostrato quanto sia preziosa questa esperienza e quanto può essere utile nel campo della progettazione delle imbarcazioni. Ora stiamo gettando le basi per il 2017, e possiamo considerarci fortunati ad avere BMW dalla nostra parte. “

Gli esperti di aerodinamica della BMW stanno lavorando proprio su questa base. Ha continuato Gau:

“Attualmente stiamo effettuando intensi test aerodinamici su un modello di yacht dal design corrente. Questo ci fornirà dati di riferimento affidabili per confrontarci con una ricerca approfondita al CFD che è previsto in tempi brevi. Fino all’inizio della Coppa America nel mese di giugno 2017, la priorità sarà quella di testare l’efficacia di tutte le idee per ottimizzare la progettazione, così come molti cambiamenti dettagliati: hanno l’effetto desiderato? Come influenzano la complessa interazione aerodinamica tra scafo, la piattaforma, la vela ad ala, e il posizionamento dell’equipaggio a bordo? Abbiamo bisogno di raccogliere dati completi, come ogni piccola sfumatura potrebbe essere decisiva – tanto più che la progettazione delle parti più grandi della piattaforma, in particolare lo scafo, sono normati da strette regole. Pertanto, i progettisti non hanno tutti questi gradi di libertà che si vorrebbe.”

BMW è perfettamente a conoscenza di questi problemi, in particolare dagli impegni motorsport dell’azienda. Anche in questo caso, le regole sono molto severe, il che rende ancor più essenziale l’essere il più creativo possibile con il margine di manovra aerodinamico che si ha. Uno dei pochi componenti della piattaforma di un catamarano Classe Coppa America che può essere progettato liberamente è la carenatura della traversa tra gli scafi – l’area, in cui scorre il vento apparente (la somma del vero vento e il vento indotto, NdR). Il flusso d’aria ottimale per l’intero oggetto inizia proprio qui, ed è fondamentale per qualsiasi ottimizzazione aerodinamica – un altro parallelo al design automobilistico e motoristico.

Cartella Stampa Completa Coppa America: BMW Team Oracle

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *