Ufficiale: BMW M4 Cabriolet: furia en-plein-air

BMW M4 Cabrio F83

La nuova BMW M4 Cabriolet è più di una semplice vettura Motorsport: è la possibilità di avere una vettura raffinata ed affilata con il plus dell’esser cabrio. Il piacere è all’ennesima potenza. Seppur la linea si riallacci in maniera prepotente a quella della normale Serie 4 Cabrio, i dettagli e sopratutto il propulsore S55TU da 431 CV, fanno subito capire che si tratta di una ///M.
Il cofano motore dal caratteristico powerdome, i marcati specchietti retrovisori esterni dal design con base a doppie asticelle e i passaruota anteriori e posteriori fortemente bombati che si estendono sopra i cerchi in lega fucinati che montano pneumatici differenziati da 18 oppure 19 pollici (optional), fanno della M4 Cabriolet una sportiva discreta e che si lascia guardare oltre che guidare.

Il cuore: 6 cilindri in linea
Il cuore della nuova BMW M4 Cabrio è il sei cilindri in linea con tecnologia M TwinPower Turbo, sviluppato ex novo e già noto sulle M3 berlina e M4 Coupé. Il motore eroga da una cilindrata di 3.000 cc una potenza di picco di 317 kW/431 CV disponibili tra 5’550 rpm e 7’300 rpm e mette a disposizione la coppia massima di 550 Newtonmetri tra 1.850 g/min a 5.500 g/min. Questo consente alla BMW M4 Cabrio di realizzare non solo delle prestazioni di guida estremamente sportive, p.e. l’accelerazione da 0 a 100 km/h in appena 4,4 secondi (con l’optional cambio a doppia frizione M a sette rapporti), ma offre anche delle riserve di potenza sufficienti per la guida rilassata a tetto abbassato. La velocità massima è limitata elettronicamente a 250 km/h. Il motore equipaggiato con tecnologia M TwinPower Turbo raggiunge il regime massimo di 7.600 giri al minuto e abbina la superiorità di un propulsore sportivo con un’ottima efficienza. La BMW M4 Cabrio consuma nel ciclo di prova UE solo 9,1 litri (M DKG: 8,7) per 100 chilometri, con emissioni di CO2 di solo 213 g/km (203 g/km). Inoltre, il modello soddisfa già oggi la norma antinquinamento Euro 6.

Considerate le elevate prestazioni del motore, ovviamente anche gli altri componenti della catena cinematica della BMW M4 Cabrio sono stati costruiti per la guida sul circuito. Per garantire delle temperature di esercizio ottimali sia nel normale uso giornaliero, dunque negli spostamenti su brevi distanze in città, sia sul circuito, il propulsore a sei cilindri è dotato di un sistema di raffreddamento altamente efficiente. Questo include un intercooler indiretto che assicura la massima sovralimentazione e resa di potenza. Il concetto di raffreddamento, che soddisfa anche i criteri di guida sul circuito, comprende, oltre al radiatore principale, dei radiatori a liquido montati ai lati per il circuito ad alta e a bassa temperatura, nonché per l’olio motore e del cambio (in presenza di cambio a doppia frizione M). A vettura ferma, una pompa supplementare dell’acqua di raffreddamento azionata elettricamente garantisce il raffreddamento dei cuscinetti di spinta dei turbocompressori.

Ma la lunga esperienza nel motorsport della BMW M GmbH si manifesta anche nella soluzione adottata per l’approvvigionamento d’olio del motore. Ad esempio, la coppia dell’olio in magnesio a peso ottimizzato è dotata di un coperchio supplementare che limita il movimento del lubrificante in presenza di forti movimenti a dinamica trasversale della vettura. In caso di manovre di accelerazione e decelerazione estreme, una pompa supplementare di aspirazione dell’olio e un sofisticato sistema di ritorno dell’olio, montati nelle vicinanze del turbocompressore a gas di scarico, assicurano uno stabile
circuito dell’olio.

Il lightweight design, introdotto con la nuova gamma Serie 3 e Serie 4, porta in dote un cofano motore e sezioni anteriori delle fiancate in alluminio, analogamente a numerosi componenti dello chassis ad alte prestazioni. Nella nuova M4 Cabrio è stato fatto anche ampio ricorso al CFRP (materiale sintetico rinforzato con fibra di carbonio), un materiale leggerissimo che grazie alla sua rigidità estrema è anche altamente resistente. Ad esempio, l’albero cardanico in CFRP ha consentito la costruzione in un pezzo unico e di conseguenza di raggiungere un notevole risparmio di peso ed una diminuzione delle masse in rotazione. La centina di precisione in CFRP inserita nel cofano motore dal peso di solo 1,5 chilogrammi offre un livello di rigidità non realizzabile con un comparabile componente in alluminio, e contribuisce così in modo determinante all’eccellente comportamento autosterzante e all’esemplare precisione di guida.

Differenziale attivo M, sterzo elettromeccanico e freni Compound M: tutto per un handling preciso ed altamente dinamico.

Il Differenziale attivo M dell’asse posteriore della BMW M4 Cabrio aumenta la trazione e la stabilità di guida attraverso un bloccaggio a lamelle controllato elettronicamente. La centralina è collegata direttamente alla Regolazione della stabilità di guida DSC (Dynamic Stability Control) e considera la posizione del pedale dell’acceleratore, il numero di giri delle ruote e il tasso d’imbardata della vettura. In frazioni di secondo viene adattata la coppia di bloccaggio, che può variare tra lo 0 e il 100 per cento. La trazione ottimizzata offre la massima stabilità di guida anche a condizioni critiche nonché un’accelerazione particolarmente dinamica all’uscita delle curve.
Lo sterzo elettromeccanico trasmette un feeling di sterzo diretto e un feedback immediato sullo stato di guida. Grazie alla funzione Servotronic integrata, la servoassistenza si adatta automaticamente alla velocità momentanea. Inoltre, lo sterzo è dotato di serie di tre linee caratteristiche, attivabili premendo un pulsante (COMFORT, SPORT e SPORT+) che consentono d’impostare la servoassistenza a seconda della situazione attuale e del gusto personale del guidatore. La M4 Cabrio è equipaggiata di serie con un impianto frenante BMW M Compound che si distingue per il proprio peso leggero e un’eccellente dosabilità, valori di decelerazione eccezionali e un’elevata stabilità al fading.

Nuovo hardtop ripiegabile in appena 20 secondi
Rispetto al suo predecessore, il tetto metallico tripartito della BMW M4 Cabrio affascina per la sua insonorizzazione acustica nettamente migliorata, resa possibile dal “cielo fonoassorbente” che riduce i fruscii aerodinamici fino a 2 dB rispetto al modello precedente. Oltre a questo guadagno di comfort veramente percepibile, il tetto interno completamente rivestito garantisce l’utilizzo illimitato della vettura anche d’inverno. Premendo un pulsante, in meno di 20 secondi la dinamica automobile sportiva chiusa ad alte prestazioni

si trasforma in una Cabrio sportiva ed elegante; il tetto è apribile anche durante la guida fino a una velocità di 18 km/h. Grazie al frangivento rivisitato e allargato alle due stremità, offerto come optional, e al nuovo scaldacollo, anch’esso disponibile come optional e regolabile a tre livelli, è possibile guidare rilassati a tetto abbassato anche a temperature più basse e velocità superiori. Quando il tetto è aperto e viene depositato nella coda, il sistema di assistenza di caricamento, di serie, solleva il tetto piegato liberando l’accesso al bagaglio. Il volume di carico a tetto aperto è di 220 litri, a tetto chiuso di 370 litri.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. 14 aprile 2014

    […] M4 Cabriolet: furia en-plein-air Presentata di recente, la nuova sportiva open-air della casa di Monaco punta forte sul suo cuore pulsante a 6 cilindri in […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *