BMW Personal CoPilot: la guida autonoma fa un salto in avanti

 BMW Serie 7 BMW Personal CoPilot Level 3

BMW Personal CoPilot: BMW spinge ancora sulla guida autonoma e sulla nuova BMW Serie 7 alza il tiro, presentando la propria roadmap d’evoluzione del sistema

All’inizio di questa settimana BMW ha invitato alcuni media selezionati nel cuore della Silicon Valley per un briefing sulla sua tabella di marcia per le prossime vetture che debutteranno entro il 2021. L’evento esclusivo si è svolto presso il BMW Technology Office di Mountain View, in California, sito di ricerca che lavora in stretta collaborazione con il gruppo di innovazione di Monaco.

Molte delle integrazioni app trovate attualmente nelle nuove BMW sono state realizzate a Mountain View, dall’integrazione di Amazon Alexa e Echo, allo sviluppo dell’applicazione Apple Watch. BMW afferma che un incentivo da offrire ai suoi potenziali clienti è la capacità di lavorare su prodotti con una roadmap chiaramente definita.

Secondo il dottor  Klaus Buettner, responsabile della guida autonoma della BMW, l’inizio della produzione della prima auto a guida autonoma di BMW è non prima del 2021 con la BMW iNEXT. Per arrivarci, BMW ha illustrato la loro visione di diversi livelli di guida autonoma:

  • Level 0 – Mani sul volante, Occhi sulla strada
  • Level 1 – Mani sul volante, Occhi sulla strada, aiuto alla guida longitudinale o laterale
  • Level 2 – Mani temporanee fuori dal volante, occhi temporaneamente fuori visuale, controllo del traffico e guida longitudinale o laterale
  • Level 3 – No mani, no occhi, consapevolezza della guida con conducente, controllo del veicolo in autonomia
  • Level 4 – No mani, no occhi, nessun intervento del conducente, nessuna richiesta di controllo esterno
  • Level 5 – No mani, no occhi, nessun conducente alla guida

La BMW iNEXT sarà la prima vettura di Livello 3

L’iNext impiegherà la tecnologia Level 3, ma non sarà standard sulla vettura. 

“C’è una contraddizione nei valori del marchio tra guida manuale e guida autonoma. Come affrontare entrambe le aspettative?”

Afferma il Dr. Buettner. 

BMW riconosce la necessità di offrire una vettura che mantenga le dinamiche di guida tipiche di BMW, per cui la tecnologia di guida autonoma diventa un “plus” ad un costo aggiuntivo.

Un altro progetto di sviluppo si svolgerà in parallelo con la BMW iNEXT per testare ed implementare il livello 4 e 5, specialmente nell’impegnativo ambiente urbano, dove la necessità di assumere la ruota è molto più frequente.

Un salto quantico dal Level 2 al Level 3

“Con la guida autonoma Level 3, c’è un grande impatto sull’intera architettura dell’auto”, afferma il dottor Buettner, citando anche un salto quantico tecnologico dal livello 2 al livello 3. BMW afferma anche che il potere di calcolo raggiunge un livello che li consente per iniziare a lavorare sul lato funzionale. Nei prossimi anni, i sensori vedranno anche una potenziale industrializzazione poiché c’è una grande spinta per dotare con sensori più avanzati, le future auto a guida autonoma.

Una vettura completamente autonoma ha bisogno di una vasta gamma di sensori e di tecnologie:

  • 3 LIDAR
  • 1 radar a gamma completa
  • 2 radar a corto raggio
  • telecamere posteriori
  • antenna GPS
  • fotocamera focale di spostamento
  • fotocamera frontale
  • 360 telecamera surround
  • 1 telecamera posteriore
  • 2 LIDAR posteriori.

Le attuali BMW a guida assistita con BMW Personal CoPilot

La BMW Serie 5 G30 presente sul mercato ha una tecnologia Level 2 con le seguenti caratteristiche:

  • telecamera a vista laterale
  • radar full range
  • sensori ad ultrasuoni
  • radar a fianco
  • telecamera surround
  • telecamera frontale stereo
  • telecamera posteriore

Il Level 3 presenta anche scansioni su tratti autostradali ad alta velocità dove l’individuazione di piccoli oggetti è un problema cruciale. Allo stesso modo, se non più impegnativi, sono gli ambienti urbani dove i comportamenti dei pedoni sono un problema.

Un consorzio per sviluppare nuove tecnologie

BMW ha parlato dell’importanza della sua partnership con Intel e Mobileye che forniscono processori per autovetture abbastanza potenti per gestire la mole di dati – Big Data – e condurre in maniera autonoma la vettura. A questi si aggiungono Magna, FCA, Delphi, Continental, che sono coinvolti nello sviluppo e nell’integrazione. Attualmente BMW è in trattative per aggiungere altri partner nel 2017 prima che i requisiti di sviluppo siano congelati nel 2018.

Parlando di sviluppo e ingegneria, BMW ha adottato la metodologia di sviluppo software agile. Per raggiungere questo obiettivo, il BMW Group sta combinando le proprie competenze nel campo della connettività dei veicoli e della guida autonoma in un nuovo campus a Unterschleissheim vicino a Monaco. Al completamento finale, più di 2.000 dipendenti lavoreranno sui prossimi passi verso la guida completamente automatizzata, dalla fase di sviluppo del software al test di strada

Nella progettazione della BMW iNEXT e di altre autovetture future, BMW utilizza una piattaforma modulare che consente, ad esempio, una piccola ECU in alcune vetture ed una più grande dove necessario. I microprocessori della gamma attuale, passeranno da 2 a 7 unità, con un consumo di potenza da 25 kW a 600 kW, che in alcuni casi potrebbe richiedere il raffreddamento a liquido.

La BMW Serie 7 con BMW Personal CoPilot

BMW dispone attualmente di 40 BMW Serie 7 equipaggiate con la sua tecnologia di auto-guida testata intorno a Monaco di Baviera, ma l’obiettivo finale sono 185 auto su strada. Nel 2019, ci saranno 100 veicoli con HAD (Highly Automated Driving) e FAD (Fully Automated Driving) in fase di test in tutto il mondo.

Attualmente vengono sottoposti a test di due prototipi di BMW Serie 7 nella zona della baia di San Francisco, uno con Level 3 e l’altro con tecnologia necessaria per i Level 4 e 5.

Uno di questi prototipi è immortalato nel video seguente:

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *